1
0
tildesite/content/2024-01-20-love-over-gold/index.it.md

2.0 KiB
Raw Blame History

+++ title = "Dire Straits “Love Over Gold” (1982)" description = "In questo Mercoledí Musicale, un viaggione verso un classico del rock." date = 2024-01-20T18:10:00Z [taxonomies] categories = ["Intrattenimento"] tags = ["Musica", "Mercoledí Musicale"] +++ Piú che un Mercoledí Musicale, questo è un “sabato del villaggio musicale”. Vogliate scusarmi: ho avuto da fare. Ciò non significa, però, che non abbia avuto modo di ascoltare qualcosa di nuovo (per me). Non esito, dunque, a condividere con voi un album molto particolare: si tratta di “Love Over Gold” dei Dire Straits.

{{ immagine(img="1q_Qy7q9RZlLvL14Uj3ZRo.jpg") }}

La prima traccia dellalbum, Telegraph Road, dura piú di un quarto dora. A parte il dovuto riflesso condizionato reminescente i Pink Floyd, questa canzone ha al suo interno una scansione che mi ha ricordato i movimenti di unopera classica. Secondo me, questa traccia è la piú interessante tra quelle incluse nellalbum. A unintroduzione placida segue lingresso dei vari strumenti; solo a 2:30 inizia la “storia” vera e propria; un susseguirsi di forti e piani, pianoforte e chitarra e organo elettrico permettono di godere di un panorama sonoro di tutto rispetto.

La traccia che, però, ho gradito di piú è la seconda, Private Investigations. Mi sono approcciato a questalbum, infatti, solo dopo che mio padre mi ha consigliato di ascoltare questa canzone in particolare. Il crescendo bello sentito mi ha fatto venire la pelle doca. Latmosfera è un po malinconica, ma mai banale. Nota donore anche per lultima traccia, It Never Rains, perché linizio sembra un tema per una cittadina delluniverso dei Pokémon. Stranamente, mi è parso che la traccia che dà il titolo allalbum sia quella meno convincente, nonostante abbia molte chicche a basso volume che mi hanno spinto ad ascoltarla con maggiore attenzione.